Collana Fernandel

Alessandro Canale, Razza canara (Lettura dura)


Razza canara
Pagine: 128
Isbn: 9788887433135
Collana: Fernandel
Data di pubblicazione: febbraio 2000



Una città da sempre piena di delitti terribili - come quello del Canaro della Magliana - e di delitti insoluti - come quelli di Via Poma, di Marta Russo o della contessa Filo della Torre - fa da sfondo a quattro incredibili storie efferate, raccontate in modo tragicamente spiritoso dai quattro assassini che questi delitti li hanno commessi. Quattro individui diversi, uniti da un istinto comune: il totale disinteresse per le regole della collettività e la spietata adesione ad una propria etica personale. Che ritengono più sana, più giusta, più alta. Un istinto comune che li rende una razza a parte: la razza canara.

Alessandro Canale

Alessandro Canale è nato a Roma ed è vissuto a lungo a Milano, dove ha lavorato come copywriter. Autore teatrale, per Fernandel ha pubblicato Razza Canara (2000) e Beoti gli ultimi (2002). Nel 2010 è uscito per Garzanti Porcodighel.

Come inizia


Mi' padre manco pe' 'r cazzo che era normale. Solo che a quer tempo a nnoi 'n ce pareva. Pe' nnoi magari 'n giorno poteva esse 'n pezzo de mmerda, e quello dopo magari 'n bastardo o 'n fio de 'na mignotta. Ma che non era normale non ciavevàmo mai penzato. Ma poi che voleva di' esse normale? Che faceva chi era normale che Pennacchi non faceva? Magna' magnava, beve beveva, se sedeva, camminava, corèva. 'Nzomma quello che faceva lui, a Lanuvio più o mmeno 'o facevano tutti. E come 'o faceva, pe' mme e pe' mmi' fratello erano cazzi sua. 'A verità vvera è che mi' padre era dentro 'a capoccia che non era normale. Ma a quer tempo non è che ciavevàmo 'r cervello pe' capillo. E visto che 'n ciaavevàmo, non stavamo llà a facce veni' i probblemi. Te vòi fa' ddu' risate? Se quarcuno a quer tempo m'avesse chiesto se a casa ciavevàmo quarcuno poco normale, penza che j'avrei detto mi' madre. Grazzie ar cazzo me dirai tu, era sordomuta. Mica vero. Cioè che era sordomuta è vvèro. Ma quello che m'ha sempre fatto strano era che era troppo diverza da noi. Sempre pe' cconto suo. Sempre co' ll'orecchie basse. Come 'n cane c'ha pisciato su 'r divano. Fòrze ciavèva strizza. Ma a qquesto io e Luca ciavèmo penzato dopo. Da regazzini, a noi ce pareva solo strana. Ma bbona. Pure troppo. Ai confini der cojone. [...]

I libri di Alessandro Canale pubblicati da Fernandel