I libri di Gianluca Morozzi

Prossimi appuntamenti

Ravenna, sabato 6 settembre alle ore 21,00 - Festa del Pd, presso il pala de Andrè - Massimo Padua presenta A un passo dalla luna piena. Conduce l'incontro Nello Agusani

Bologna, venerdì 24 ottobre alle ore 18,00 - Libreria Trame, via Goito 3 - Matteo Ferrario presenta Buia. Conduce l'incontro lo scrittore Gianluca Morozzi

Iscriviti alla nostra mailing list!

Per iscriverti rispondi a questa semplice domanda antispam: qual è la capitale dell'Italia?
Nome:
Email:

Chi è online

 16 visitatori online
Trovi i libri Fernandel in formato ebook anche subookrepublic



Fernandel ha cambiato indirizzo. Il nuovo indirizzo è:

Fernandel, via Carraie 58 - 48121 Ravenna


In libreria

Come sciogliere un matrimonio alla Sacra Rota

Vincenzo Di Michele, Come sciogliere un matrimonio alla Sacra Rota (senza riconoscere un sostegno economico all’ex coniuge)

Perché molte coppie unite in matrimonio con rito religioso, al momento della separazione scelgono il tribunale ecclesiastico anziché quello civile? È una scelta di carattere religioso, per avere la possibilità di risposarsi in chiesa, oppure si mira a un beneficio economico, dato che le sentenze di nullità ecclesiastica, a differenza del divorzio civile, non comportano l’obbligo di un riconoscimento economico nei confronti dell’ex coniuge?
In questo libro si analizzano: i motivi di nullità del matrimonio, le modalità processuali e i costi che si devono affrontare, inclusi gli eventuali oneri aggiuntivi al tribunale della Rota Romana, smentendo l’opinione comune secondo la quale il procedimento di nullità del matrimonio religioso sarebbe una procedura riservata a pochi benestanti.
Infine vengono riportati più di trenta casi pratici di invalidità matrimoniale, dall’immaturità alla simulazione, dall’infedeltà alla gelosia, dall’egoismo al maschilismo, dall’infertilità all’esclusione della prole, dall’impotenza ai comportamenti sessuali trasgressivi.


A un passo dalla luna piena

Massimo Padua, A un passo dalla luna piena

L’ipocrisia del mondo degli adulti vista con gli occhi di un bambino di otto anni, Simone, che riconosce nel misterioso Michael, il nuovo amico della mamma, un pericolo per la stabilità della famiglia nella quale sta crescendo.
Mentre i suoi compagni di scuola si apprestano ad affrontare con entusiasmo l’arrivo delle vacanze di Natale, Simone si aggrappa come può ai brandelli di una vita che cambia in fretta e che lo costringe a guardare in faccia la realtà. Una realtà dove sua madre sembra mettere al primo posto le proprie esigenze e dove suo padre si rivela troppo spesso insensibile e cocciuto.
Quando la madre lascia il marito e porta il figlio a vivere con Michael, Simone si ritrova in una dimensione ambigua, inadatta a un bambino, perfino pericolosa. Poi l’arrivo del fratello di Michael innesca una serie di eventi che fanno precipitare le cose...


Un buon motivo per restare

Andrea Malabaila, La parte sbagliata del paradiso

Quando Ivan conosce Valentina, la splendida e viziata figlia del suo capo, è soltanto un giovane operaio che lavora in un’azienda metalmeccanica. Lui, che nella vita si è sempre accontentato, decide di darsi da fare per conquistarla e trova un’idea commerciale che presto si rivelerà vincente. Ma Valentina è impegnata, lontana e soprattutto piena di blocchi emotivi.
Dopo un lungo tira e molla i due iniziano una relazione, e per Ivan (che Valentina ribattezza “Ivano”, un nome meno politicizzato e che per lei significa possesso e appartenenza al gruppo) comincia una nuova vita, in cui l’entusiasmo della ragazza lo trascina in un’esistenza fatta di eccessi. Mentre tutti si sacrificano per far fronte alla crisi, loro continuano a vivere una festa che sembra senza fine, anche se alla lunga i problemi economici si faranno insostenibili...


Un buon motivo per restare

Un buon motivo per restare

Le vite di due giovani donne si intrecciano fra i banchi di scuola. Costanza, insegnante di lettere, si è trasferita da Procida per inseguire un posto di lavoro meno precario, mentre Marta è una ragazza un po’ snob, allergica a tutto quello che c’è oltre le mura del centro storico.
Fra compiti e interrogazioni, un amore inconsapevole per il suo miglior amico e la sorella fidanzata con un ragazzo di campagna che proprio non le piace, Marta si troverà coinvolta in un equivoco che avrà conseguenze inaspettate.
Costanza invece affronta ogni giornata lottando contro la nostalgia della sua isola, talmente forte da non permetterle di vedere tutte le opportunità che Ravenna può offrire. Ma alla fine scoprirà che c’è comunque un buon motivo per restare...

Strade

Strade (a cura dell'Associazione Canto31)

«Quante strade deve percorrere un uomo prima di essere chiamato uomo?» si domandava Bob Dylan più di cinquant’anni fa. Prima che i Rolling Stones mandassero un povero ragazzo a combattere in strada, o che la cultura hip-hop attribuisse alla strada il senso di un territorio da difendere e al quale richiamarsi come garanzia di autenticità.
Sul tema delle strade si sono cimentati ventuno esordienti, che hanno partecipato al corso di scrittura creativa di secondo livello organizzato dall’associazione culturale bolognese Canto31 e condotto da Gianluca Morozzi presso la storica libreria Feltrinelli di piazza Ravegnana.

Repubblicani a Classe Fuori

Vittorio Morelli, Repubblicani a Classe Fuori (1944-1956)

A settant’anni dalla liberazione di Ravenna la memoria della guerra non cessa di suscitare interesse, suggestioni e riflessioni, spesso riferibili a quelle ricerche che svelano drammi, esperienze e vissuti inediti delle popolazioni locali. È il caso di questo libro che aggiunge contributi originali ai fatti già noti che riguardano il salvataggio della basilica di Sant’Apollinare in Classe, sottolineando l’apporto rilevante fornito da patrioti di fede repubblicana di matrice mazziniana. Sono quegli stessi patrioti che nell’immediato dopoguerra si attiveranno per la rinascita politica, sociale e culturale del paese, e per garantire la messa in opera di istituzioni democratiche dopo la dolorosa vicenda del fascismo. Venne infatti in primo luogo ricostituita, il 9 febbraio 1945, la sezione del Partito Repubblicano di Classe, quindi la costituzione di cooperative di Cultura e Lavoro, a mostrare, nella crescente partecipazione, momenti di impegno materiale e sociale comunitario. Vi emerge, in particolare, il ruolo della Cooperativa Antonio Fratti di Classe, ancor oggi attiva, che ha costituito uno spazio di riferimento importante per la comunità locale.

Rotta verso l'ignoto

Franco Poggiali, Luigi Barone, Rotta verso l'ignoto 

Siamo alla fine degli anni Settanta: la motonave “Milady” è in partenza dal porto di Ravenna alla volta di Dakar con un carico di riso in sacchi. La nave, dopo uno scalo tecnico a Brindisi, naviga verso il porto di destinazione, ma in mare aperto si trova inaspettatamente ad affrontare un evento inspiegabile che coinvolge un marinaio e che metterà in dubbio le convinzioni di tutti i membri dell’equipaggio...

Premio speciale della giuria all’edizione 2014 del premio letterario internazionale "Città di Cattolica"


Insonnia

Insonnia (a cura dell'Associazione Canto31)

L’insonnia: un fastidio passeggero per alcuni, un dramma per altri. La privazione forzata del sonno può essere fonte di angoscia e di tormento, ma anche una condizione abituale con cui bisogna imparare a convivere. Starsene stesi nel proprio letto con gli occhi sbarrati può portare a uno stato vicino al delirio, o può stimolare in modi insospettabili la creatività.
Con il demone dell’insonnia si sono cimentati gli undici allievi del corso di scrittura creativa di secondo livello, organizzato dall’associazione culturale bolognese Canto31 e tenuto dallo scrittore Gianluca Morozzi presso la libreria Ubik di Bologna. Ognuno degli autori si è cimentato col tema in assoluta libertà: in quest’antologia troverete racconti orrorifici e altri più leggeri, strane creature della notte e scherzi telefonici antelucani, conversazioni inconcludenti e uomini nati senza il dono del sonno, incubi a occhi aperti e allucinazioni forzate, reality show in cui non dormire è obbligatorio e lavori che ti tengono sveglio la notte a studiare la più strana umanità.

La misura del danno

Andrea Pomella, La misura del danno

A trentacinque anni, la carriera dell’attore Alessandro Mantovani registra un’impennata improvvisa. Le vecchie fiction, in cui compariva invariabilmente nella parte del bravo ragazzo che indossa felpe col cappuccio e fa innamorare le adolescenti, lasciano il posto a pellicole d’autore, film che lo consacrano come il testimonial del nuovo cinema italiano. Per uno come lui, cresciuto in una borgata romana, figlio di una casalinga e di un operaio dell’Autovox, è l’occasione che aspettava per entrare nelle grazie di quella borghesia liberal-progressista che da sempre orienta i gusti culturali della nazione. Un matrimonio con la rampolla di una famiglia dell’aristocrazia intellettuale di sinistra, un attico in un quartiere esclusivo di Roma, salotti buoni e party selezionati. Questo è il suo nuovo mondo...

Diario elementare

Livio Romano, Diario elementare

Un maestro elementare, ultimo discendente di una stirpe di insegnanti, racconta giorno dopo giorno il suo anno scolastico. Fra tagli alla spesa e bizzarre direttive ministeriali, colleghe pittoresche e genitori bisognosi di supporto psicologico, procedendo faticosamente nelle secche dell’ideologia aziendalistica e del vuoto dei valori di riferimento della moderna società occidentale. Con verve umoristica, impeto satirico e un gusto ininterrotto tanto per l’annotazione di costume quanto per il tocco di puro mémoire, in questo piccolo pamphlet l’autore racconta quel che è rimasto della «scuola elementare migliore del mondo» – che è come dire della società italiana in generale, descritta da quel particolarissimo punto di vista che è la provincia profonda del Sud della penisola.
Nonostante il caos quotidiano, affiora quasi a sorpresa l’antico incanto del far scuola che ha riempito gli annali dei maestri-scrittori del passato, la poesia del veder crescere davanti ai propri occhi giovani coscienze che con il loro candore hanno ancora la forza di riscattare gli insegnanti del Duemila dalla condizione degradata cui son condannati da decenni.

Pino Wilson. Vero capitano d'altri tempi

Vincenzo Di Michele, Pino Wilson. Vero capitano d'altri tempi. La biografia ufficiale

La trafila nell’Internapoli con l’allenatore Vinicio; l’esordio in serie A con la Lazio di Lorenzo e le sue scaramanzie; il periodo della Nazionale italiana e alcuni aneddoti sui campionati del mondo del 1974 in Germania; lo scudetto conquistato con la Lazio nella gestione Maestrelli e le vittorie sul campo con quella squadra di scalmanati garibaldini; il ricordo del grande amico Giorgio Chinaglia; la morte di Tommaso Maestrelli; il dramma di Luciano Re Cecconi e l’uccisione all’Olimpico del tifoso laziale Vincenzo Paparelli nel derby Lazio-Roma del 28 ottobre 1979; il conseguimento della laurea in giurisprudenza; l’esperienza in America nel Cosmos, insieme a Pelé, Beckenbauer e Carlos Alberto. Giuseppe Wilson uscì di scena nel 1980 per via del calcio scommesse. Si autopunì: declinò l’incarico a direttore generale della Lazio e si allontanò dal mondo calcistico. Dopo un lungo silenzio, lo storico capitano della Lazio è ritornato in argomento rivedendo alcuni aspetti di quella triste vicenda che lo vide coinvolto. Infine la ripresa del suo feeling con il mondo biancoceleste grazie all’emittente RadioSei.

Tutti tranne Giulia

Michela Tilli, Tutti tranne Giulia

Giulia non c’è più, ma la vita, quella degli altri, continua. Dicono che sembrava felice, che non era depressa, che non ne aveva motivo. Dicono che non le mancava niente. E allora perché? Forse è tardi per chiederselo, o forse c’è ancora qualcosa che si può comprendere.
Attraverso le vicende di chi resta – del marito che scopre che le altre donne sembravano più attraenti quando era sposato, dei figli ormai grandi che scendono a patti con la loro identità, dello psicoterapeuta che non l’ha capita abbastanza e del maresciallo che non crede al suo suicidio – emerge in filigrana la storia della protagonista, la grande assente, e delle ragioni che l’hanno portata a commettere un atto che potrebbe sembrare di disperazione, o forse di follia, o addirittura di assoluta libertà.

Comprami

Valeria Campana, Comprami

Bella, giovane, apparentemente sicura di sé e ben attenta a valorizzare il proprio corpo, Iris spende denaro – che spesso non ha – in vestiti di qualunque marca e prezzo, in stivali cinte e borsette, ma anche in gadget della Roma per il fidanzato e soprammobili per la casa in cui vive con i genitori. Iris acquista qualsiasi oggetto le possa restituire un’immagine migliore di sé, farla sentire qualcuno e gratificarla.
La madre le ha insegnato che la bellezza è una dote che non bisogna sprecare, e che anzi deve essere messa a frutto per farsi strada nella vita. Così per ripianare i debiti e continuare a pagare quello che compra, Iris non trova che una soluzione: prendere l’insegnamento della madre alla lettera e valorizzare il dono che la natura le ha fatto.
Ma questa spirale di acquisti, debiti e appuntamenti la trascina verso gli abissi di un mondo ingovernabile. Finché l’incontro con un uomo che sembra sinceramente interessato a lei le fa sperare di poter uscire dai guai e cambiare vita. Un uomo ricco e generoso, ma molto, forse troppo simile a lei.

Armonicomio

Paolo Ganz, Armonicomio. Elogio dell'armonica Blues

Ogni anno si vendono migliaia di armoniche a bocca ad altrettanti aspiranti musicisti, che trovano in questo strumento un modo semplice e divertente per avvicinarsi alla musica. Ma cosa sanno, queste persone, della loro armonica, della sua storia, dei suoi segreti?
Armonicomio è un elogio dello strumento più semplice, diffuso, pazzo e giramondo che esista. Con un’armonica si può fare sia un po’ di rumore sia dell’ottima musica, e siccome nell’arte il segreto spesso è quello di togliere, questo libro può insegnarvi a riconoscere le note giuste, quelle che servono e arriveranno al cuore di chi le ascolta. Un libro avventuroso che vi guiderà tra le secche dell’altrui suonare, verso quell’isola magica di poesia e mito che si nasconde dietro al suono di ogni ancia.

Almanacco dei giorni migliori (inverno)

Fabio Rizzoli, Almanacco dei giorni migliori (inverno)

Ad appena due mesi dalla sua uscita, il primo volume di Almanacco dei giorni migliori ha collezionato oltre trenta recensioni e servizi su stampa, radio, tv e web, venendo quasi subito ristampato. Ora Fabio Rizzoli torna alla carica con Inverno, la seconda stagione della sua quadrilogia. Altri 91 racconti, dal 21 dicembre al 20 marzo, caratterizzati dalla consueta leggerezza e  ironia. Anche in questo volume ogni brano è preceduto da consigli di visione, ascolto e lettura ed è seguito da un’esortazione ad agire. Cosa attende il lettore? Il giornalista Bruno Gambarotta (proprio lui, nessuna omonimia) che commette un omicidio, le aberranti conseguenze del telelavoro, un immobiliarista specializzato nella compravendita di case in cui sono avvenuti efferati delitti... Novantun modi per mettere a dura prova il senso della realtà – e per sconfiggerla regolarmente.

Bambini esclusi

Federico Platania, Bambini esclusi

Alvise ha un solo desiderio. Contemplare dal vivo, in una visione privata e segreta, Dafne Delirio, una giovane popstar italiana nei confronti della quale prova un’adorazione che sconfina nel mistico.
Gabriele invece ha un solo terrore. Diventare padre. Ha stretto un misterioso voto con se stesso. Nel suo continuo rimuginare, nella sua allucinata interpretazione della realtà circostante, Gabriele fa coincidere la prospettiva della paternità con la fine della propria esistenza.
Ma il corso degli eventi prende direzioni impreviste. Dafne Delirio abbandona all’improvviso il music business per ritirarsi a vita privata, protetta da un rigoroso anonimato. Impossibile per Alvise rintracciare l’oggetto della sua passione, godere della sua vista come aveva sempre sognato. Gabriele, invece, nonostante le ossessive attenzioni mette incinta la sua ragazza. Il voto è spezzato. La sua esistenza in pericolo. 

Figli di uno stesso sesso

Silvia Manzani, Figli di uno stesso sesso. Abbattere le barriere educative nei confronti delle famiglie omogenitoriali

Siamo sicuri che celebrare la festa della mamma e del papà in un nido d’infanzia sia una scelta azzeccata? E che sia educativo trattare l’omosessualità fra i banchi di scuola come un argomento tabù? Forse no, perché di bambini che crescono con madri lesbiche e padri gay ce ne sono sempre di più. In Italia i minori sono circa centomila, una stima che fotografa un fenomeno in crescita, quello delle famiglie omogenitoriali, che a sua volta s’inserisce nella più generale trasformazione della famiglia contemporanea. I dubbi dell’opinione pubblica sono molti, anche se le più importanti ricerche, realizzate per lo più negli Stati Uniti e nei paesi del Nord Europa, li smentiscono. Sottolineando che l’ambiente famigliare in cui cresceranno quei bambini, poi adolescenti e un giorno adulti, non li porterà per forza a sviluppare identità omosessuali, a soffrire di depressione, a vivere da esclusi o da emarginati...
Spargere il sale

Gianluca Morozzi, Spargere il sale

Avete mai provato a chiedere un prestito a una finanziaria quando sulla vostra carta d’identità, alla voce Professione, c’è “scrittore”? Vi è mai capitato, a forza di piccole modifiche, di veder trasformato il vostro romanzo horror in un cartone animato natalizio? Vi siete mai innamorati della donna dall’olfatto più sensibile del mondo, voi che soffrite di tragici reflussi gastrici? Avete mai comprato un’auto da un’ex fidanzata rancorosa? Traslochi, tradimenti, Elena 1.0, Elena 2.0, e cinque macchine chiamate La Nave Scuola, La Scatoletta, Supercar, il Cesso, la Caffettiera e Il cavallo di Troia.
Scatoloni, scatoloidi, una canzoncina misteriosa che nessuno sa riconoscere. Un coinquilino di nome Spurgo, una micia disposta a tutto per il tonno. La maledizione della band imprigionata in un eterno bis. I supersonici assoli del chitarrista triste. E una casa vuota in via John Lennon, le macerie di una storia sulla quale, finalmente, si può spargere il sale.

 

Questi pulcini sono di Gianni Nieddu