Collana Fernandel
logo
Facebook Instagram newsletter

Tinello Working
Ventuno storie di lockdown dai narratori di Horsa People.
a cura di Andrea Fiorenza

Tinello Working
Pagine: 288
Isbn: 9788832207378
Collana: Fernandel
Data di pubblicazione: 1 dicembre 2021
Leggi come inizia




Ci sono parole che portano con sé intere narrazioni: lockdown, pandemia, solitudine, angoscia di morte e disfatta interiore, perdita del lavoro e delle certezze. E se è vero che tutto potrebbe andare in malora, forse una manciata di storie può essere utile per raccontare lo sgretolamento di un mondo imperfetto che credevamo perfetto, per raccontare cosa è davvero accaduto in famiglia, in ognuno di noi, quando abbiamo trasformato il nostro lavoro in smart working da svolgersi nel tinello di casa.
Del resto, chi non ha bisogno di storie? Storie da leggere o da raccontare?
E questo è un libro di storie. A raccontarle sono i narratori di Horsa, un’azienda informatica che non parla più (solo) di software, un’azienda fatta di persone e di storie. Provate a leggerne qualcuna, e vedrete che non vorrete fermarvi. Perché durante la pandemia, chiusi nel tinello di casa per lavorare, chattare o restare in contatto con amici e parenti, ci siamo finiti un po’ tutti.



Indice del volume

Nicola Basso, Prefazione
Andrea Fiorenza, Introduzione

Vincenzo Aliani, Il camaleonte
Riccardo Andreotti, Smart looking
Irene Bardi, Ordinaria anormalità
Nicola Basso, Supposta alla menta
Nicoletta Bonora, La mascherina
Francesca Bottega, “Look” down
Ettore Bottino, Imbottigliato
Umberto Bottone, Il cavallo e la zebra
Ernesto Divino, Mi rimetto le scarpe
Martina Grisolia, The Great Gigi
Maurizio Lena, 24 fotogrammi
Gianfranco Maffeo, Infezione doppia. Quando due virus si associano per complicarti la vita
Andrea Manca, Cook Island
Olimpia Maschio, Mascherine e code ad anelli
Roberto Odoardi, Il misuratore
Giulia Panzacchi, Fuori dal bozzolo
Lucrezia Resini, La veuve noire
Cesare Tarricone, La fabbrica di gazzosa
Ornella Vezzaro, Ferragosto alternativo e il fattore C
Viviana Viviani, Brain storming
Sonia Zappitelli, «Il povero Piero» (A. Campanile)